Informazioni generali

L’Alto Ionio Cosentino (o Alto Jonio Cosentino) è una zona della Calabria settentrionale. Alcuni comuni dell’Alto Jonio dal 1993 fanno parte del Parco nazionale del Pollino.

Fanno parte dell’Alto Ionio Cosentino i seguenti comuni:
Albidona, porta del Parco nazionale del Pollino
Alessandria del Carretto, paese delle tradizioni popolari
Amendolara,il paese dell'”Isola di Ogigia”, Canna, Castroregio, antico borgo Albanese (Arbëreshë), Farneta, antico borgo Albanese frazione di Castroregio, il più piccolo paese dell’Alto Ionio,
Cerchiara di Calabria, località termale, Francavilla Marittima, Oriolo, centro del turismo culturale dalla zona, sede del famoso Castello e del Teatro all’aperto “La Portella”, Montegiordano,
Nocara, Rocca Imperiale, il paese del limone, Roseto Capo Spulico, importante località balneare, San Lorenzo Bellizzi, il paese delle Gole del Raganello, Plataci, antico borgo Albanese (Arbëreshë),
Trebisacce, principale centro commerciale ed economico con i suoi 10.000 abitanti, Villapiana, il comune dell’Alto Ionio più vicino a Sibari, con un buon flusso turistico-balneare.
Il clima è di tipo mediterraneo, con notevoli differenze all’interno della zona stessa, caratterizzata da svariati microclimi. Nelle zone montane in inverno (in autunno e talvolta in primavera sulle cime del Massiccio del Pollino) la neve non manca mai e gli accumuli nevosi sono spesso considerevoli, tanto da rimanere sulle cime dei monti fino a primavera inoltrata. Può nevicare anche nelle zone pedemontane e collinari, meno colpite dai fenomeni nevosi per la protezione naturale del Massiccio del Pollino, che provoca in queste zone l’effetto stau. Sulle coste il clima è mite ma molto umido in inverno, con una notevole piovosità che spesso ingrossa il letto dei torrenti detti Fiumare che tendono talvolta a straripare. In estate mentre il clima nelle zone montane è mite nelle zone collinari e pedemontane esso diventa caldo e talvolta torrido, con temperature massime non di rado vicine ai 40° nella stagione estiva. Sulle coste in estate il clima è molto caldo, mitigato però dalla presenza del Mare Jonio. Le temperature difficilmente scendono sotto gli 0° lungo le coste e frequenti sono le mareggiate nel periodo autunnale ed invernale.

L’Alto Jonio Cosentino ha un’estensione di circa 750 km² ed è un territorio di intermezzo tra la Piana di Sibari e quella di Metaponto. Il suo litorale, lungo circa 50 km, è vario, vista la presenza sia di spiagge sabbiose che di spiagge ciottolose oltre che a una minor porzione di spiagge rocciose (litorale di Montegiordano Marina e Roseto Capo Spulico). Il paesaggio è molto vario: si passa in meno di 30 km dalle spiagge joniche alle vette del Massiccio del Pollino prima attraverso una sottile lingua pianeggiante antistante al mare, poi attraversando piccoli altipiani e colline via via più alte. Numerose sono le “fiumare”, i torrenti che donano alla gran parte delle spiagge altojoniche una conformazione ciottoloso-ghiaiosa: Torrente Raganello, T. Ferro, T. Saraceno, T. Satanasso, T. Caldanelle, T. Straface, T. Avena, T. Canna, T. San Nicola. Le acque del Mar Ionio si presentano ora non molto profonde (litorale di Villapiana), ora sprofondanti sotto costa (Roseto Capo Spulico), oppure con secche a largo. I monti principali nell’Alto Jonio sono quelli del Pollino Orientale che hanno altitudini variabili dai 2.267 metri della Serra Dolcedorme ai 1.713 metri del Monte Sparviere agli speroni di roccia facenti parte del Prepollino con altezza variabile tra i 1.000 e i 500 m s.l.m., ove sorgono i centri montani: Alessandria del Carretto (1.000 m), Plataci (930 m), Farneta (frazione di Castroregio a 875 m), Nocara (859 m), San Lorenzo Bellizzi (830 m), Castroregio (819 m), Albidona (810 m) e altri centri di bassa montagna e alta collina, come Cerchiara di Calabria (650 m), Montegiordano (619 m) e Oriolo (450 m).

(fonte: Wikipedia)