Monte Sparviere

Nel versante nord della Calabria, al confine con la Basilicata, si erge maestosa la cima del monte Sparviere, che con i suoi 1713 metri sul livello del mare è una delle vette più alte del Parco Nazionale del Pollino. La montagna prende il nome dallo sparviero, uccello rapace fiero e affascinante della cui presenza sul monte parla persino Omero nell’Odissea. L’area del monte è ricca di vegetazione ed è famosa per le caratteristiche acerete, all’interno delle quali si rinviene una inusuale convivenza di ben cinque differenti specie di aceri: acero campestre (Acer campestre), acero di monte (Acer pseudoplatanus), acero di Lobel (Acer lobelii), acero di Ungheria (Acer obtusatum) e acero riccio (Acer platanoides).